I fattori della continua evoluzione della laguna: subsidenza, eustatismo, sedimentazione, erosione

Il riferimento che indicava il livello medio del mare a punta della Salute nel 1897, si trova oggi a 22 cm sotto tale livello. Ciò è dovuto a due fenomeni che portano allo stesso risultato:

-la subsidenza, cioè mareografical’abbassamento della città, di 13 cm, dovuto a cause sia naturali che antropiche. I motivi sono da un lato il compattamento dei depositi alluvionali e le deformazioni tettoniche degli strati più profondi, dall’altro l’intenso sfruttamento delle acque di falda. Grazie al rigido intervento normativo avvenuto negli anni settanta il fenomeno ha subito un brusco rallentamento, e l’abbassamento del suolo è tornato ai valori naturali di 1/2 mm l’anno (a seguito del boom economico del dopoguerra e al relativo sfruttamento selvaggio delle falde, il valore della subsidenza aveva raggiunto gli 1,5 mm l’anno).

-L’eustatismo, cioè la variazione del livello del mare dovuta a cause climatiche (indirettamente dipende anche dall’uomo); nell’ultimo secolo l’innalzamento del livello dei mari è di circa 1 mm/anno.

L’importanza della sedimentazione è già stata accennata a proposito della formazione della laguna.
L’accumulo di detriti di origine fluviale ha permesso la formazione dell’ambiente lagunare, che una volta formato riesce a smaltire naturalmente i materiali in eccesso, grazie ad un equilibrio tra sedimentazione ed erosione.acqua_alta Gli interventi umani iniziati dopo il mille e soprattutto dopo la caduta della Serenissima (la quale identificava lo Stato con la Laguna), sono stati eseguiti facendo gli interessi dei privati ed hanno provocato gravi fenomeni di erosione. Le conseguenze di queste opere (scavo di canali, deviazione degli immissari, costruzione delle dighe alle bocche di porto) sono la scomparsa di molte isole e di 2/3 delle aree barenali. Queste misurano oggi 48 km2, contro i 149 censiti all’inizio del ‘900. Secondo il catasto austriaco del 1844 gli isolotti della Laguna erano 62, oggi se ne contano appena 42.

Un ulteriore aumento di velocità delle correnti di marea sarà causato dal MoSE, in quanto la sezione delle bocche di porto sarà ridotta e di conseguenza aumenterà la velocità dell’acqua nel passaggio dal mare alla laguna e viceversa.Triangolo_Shepard

La velocità di corrente di marea influenza la granulometria dei fondali: essa diminuisce progressivamente passando dalle bocche di porto verso la terraferma dove i sedimenti fangosi non sono trascinati dalla corrente. Dall’esterno verso l’interno diminuisce progressivamente la frazione sabbiosa ed aumenta quella fangosa (limo e argilla).
I minerali più abbondanti sono i carbonati, il quarzo e i silicati; la materia organica risulta più abbondante nelle zone interne e quasi nulla verso il mare.

limonium narbonense

(Marino Coltro, 2010)

[fb_button]

Venezia in Vela di Marino Coltro • CCIAA Udine REA 287067 • P.IVA: 02772730301 • PEC: veneziainvela@pec.it

Book Now