Dotato di una tazza simile a quello usato nelle case, offre la possibilità di fare i propri bisogni in navigazione. 

Wcdilusso
WC di lusso, Baby Blake

Non va usato in porto e neanche in rada, per quanto possibile; il gabinetto della barca si usa solamente quando non ci sono altre possibilità, cioè quando è indispensabile.
Anche se la barca è dotata di raccolta delle acque nere non vedo il motivo di imbarcare della cacca
se ci sono i comodi e igienici servizi del marina a disposizione.
I maschietti, volendo, possono fare la pipì in navigazione come il sottoscritto, fuoribordo e sottovento (è autorizzato a farla sopravento solo chi ha doppiato Capo Horn). 

Prendiamo in esame il WC marino classico, quello manuale con scarico diretto in mare, presente sulla maggior delle barche a vela.

Nella prima parte del suo utilizzo ha come unica differenza rispetto a casa che è consigliato anche ai maschietti adulti stare seduti anziché  in piedi, per evitare che gli schizzi di pipì rimbalzino sulla tazza, più bassa rispetto ai bagni delle case. 

prese-a-mare-aperta
Valvole aperte

Per il resto, dopo aver controllato che le due valvole (la più grossa di scarico e l’altra di carico) e la finestra siano aperte, possiamo sederci comodi e fare i nostri -si spera quotidiani- bisogni.
Fatto? A questo punto è ora di pulirsi e di buttare la carta igienica, che si può gettare nella tazza in quantità limitata (5 strappi o giù di lì). Tutto il resto, comprese carta cucina, tovaglioli e fazzoletti di carta vanno gettati nel cestino; in quella utile pattumiera che abbiamo installato nel bagno della nostra barca. 

È il momento di lavare e scaricare! 

Anche se le manovre da fare sono poche e semplici noto che la maggior parte delle persone nuove a questo strumento ha grosse difficoltà a usare la diabolica pompa, ma noto contemporaneamente che tutti vengono irresistibilmente attratti e affascinati dal cesso della barca.
Proviamo allora a spiegare agli utenti novelli ciò che devono sapere.

  • evacuazione-tazza-wc
    La pompa e la valvola di carico / scarico

    Il WC è dotato di una pompa idraulica a stantuffo, tipo quelle delle biciclette; si utilizza proprio come queste, con una mano e senza sforzo.

  • Dietro alla maniglia per pompare (fatta come la maniglia delle pompe da bici) c’è una levetta: questa aziona la valvola di carico e scarico, chiamata valvola di carico e scarico (la ripetizione è voluta) o valvola di scarico e carico, la quale:

    • in posizione Carico (levetta a sinistra, vedi disegno): la pompa carica acqua di mare e scarica l’acqua sporca della tazza; e

    • in posizione Scarico (levetta a destra): la pompa scarica l’acqua della tazza.

La levetta aziona la valvola di carico e scarico, repetita iuvant …..

La sequenza per lasciare il WC pulito è questa:

  1. Mettere la valvola su scarico e pompare almeno 5 volte,

  2. mettere la leva su carico e pompare 10 volte,

  3. pompare con la leva su scarico 5 volte (fino a vuotare la tazza) e lasciare la leva in questa posizione

Infine vorrei dare, a chi sa già come usarlo e magari si è fatto due risate leggendo l’articolo, qualche consiglio sulla manutenzione del proprio WC nautico

Per avere un gabinetto sempre efficiente sono necessarie poche ma indispensabili cure.
Il nemico primo è il
calcare, che va combattuto versando aceto nella tazza quando si prevede di non usare la barca per qualche tempo. È buona cosa dare qualche pompata per riempire anche la pompa e i tubi di aceto, un efficace anticalcare ecologico ed economico.

Una volta l’anno almeno, smontare la pompa per togliere le incrostazioni residue di calcare e lubrificare tutte le gomme interne con olio di vaselina.
Dopo avere fatto circolare una sufficiente quantità di acqua per togliere tutti i residui dalla pompa, vanno tolte le viti (6, nel Jabsco in foto) che tengono in sede la testa della pompa e il gioco e fatto. Va solo prestata attenzione alla posizione della guarnizione al momento dello smontaggio.
Difficile? Direi di no. Con qualche semplice accorgimento il vostro WC lavorerà sempre bene e senza sorprese.

Marino Coltro, ottobre 2015.

[fb_button]

Venezia in Vela di Marino Coltro • CCIAA Udine REA 287067 • P.IVA: 02772730301 • PEC: veneziainvela@pec.it

Book Now