Sacca Sessola è un’isola artificiale, costruita con i materiali di scavo del porto di Santa Marta (1870).

Una tranquilla tappa di sosta durante le nostre uscite in Vela nei canali della Laguna, Saca Sesoła in veneziano significa: Saca = isola artificiale; Sesoła = la sua forma, che ricorda la paletta che serve a raccogliere ed espellere l’acqua dalle piccole barche, quelle non dotate di pompa di sentina meccanica.


La sua storia la vede dapprima sede di un deposito di combustibili, successivamente adibita ad ospedale sanatorio per quasi un secolo, fino alla sua chiusura definitiva, nel 1979. Durante quest’arco di tempo furono costruiti la cavana, la colonia agricola, la chiesa, la torre dell’acquedotto ed altre opere per il personale sanitario che viveva nell’isola.
Dopo un periodo di abbandono, l’isola venne affidata ad un ente di ricerca di scienze e tecnologie marine, per essere alla fine convertita ad isola privata con albergo di lusso, attualmente di proprietà del gruppo statunitense Marriot.

L’albergo, che ha cambiato il nome da “sacca sessola” a “isola delle rose”, evidentemente per motivi di marketing, occupa attualmente la maggior parte degli edifici e offre soggiorni di lusso in camere e suites nella struttura principale, mentre appartamenti con giardino e piscina privata si trovano negli edifici dislocati nei vari angoli dell’isola; i ben 8 ristoranti dell’albergo offrono numerose soluzioni di gusti e sapori locali e internazionali.

Nelle nostre uscite in Laguna ormeggiamo la barca nei pontili gallegianti posti all’estremità occidentale; gli ospiti possono scendere a visitare le strutture dell’isola e godere un aperitivo con panorama mozzafiato, nella terrazza dell’hotel.

Venezia in Vela di Marino Coltro • CCIAA Udine REA 287067 • P.IVA: 02772730301 • PEC: veneziainvela@pec.it