Isole da scoprire

Santa Cristina

Posta tra la Cura e la Salina, anche quest’isola di trenta ettari fa parte del grande arcipelago di Ammiana, un tempo densamente popolato, di cui oggi rimangono solo alcuni lembi di terra, con Santa Cristina che rappresenta il più consistente. Il grande complesso religioso delle monache benedettine fu costruito ad Ammiana nel VII° secolo, nell’area attualmente occupata dall’isola. 644425_323525081103312_760412312_n

Il corpo della santa di Tiro vi fu deposto nel 1320. Negli anni successivi l’isola si spopolò rapidamente, a causa del degrado ambientale dovuto principalmente all’erosione, e nel 1452 cui anche l’ultima monaca si trasferì a Murano.
Il corpo della martire tredicenne fu allora deposto presso il convento di san Francesco della vigna.

Oggi l’isola è proprietà privata, in ottime condizioni, rialzata e arginata, è adibita a vigneti, ortigiardini e valli da pesca, caratteristica quest’ultima che la rende unica nel panorama delle isole lagunari. 
È possibile affittarla in esclusiva con la sua villa con piscina che offre 9 stanze per 16 posti letto.
Per raggiungerla si possono percorrere i canali Della Dolce (lato W) o Gaggian (lato E); L’approdo con una barca a vela di pescaggio medio non è consigliato, ma ci si può avvicinare molto e sbarcare con il tender.

La Salina 

Situata nella parte più a nord della laguna, coincide con il nucleo centrale dell’antichissima isola di San Felice, una delle pievi che componevano l’arcipelago di Ammiana.LaSalina

Il toponimo che la caratterizza venne introdotto verso la metà del secolo scorso, allorché la motta di San Felice, ormai abbandonata da secoli, fu prescelta quale sede degli edifici direzionali di un grande impianto per la produzione di sale marino.
L’isola è oggi di proprietà privata, sede dell’agriturismo Le Garzette, con due camere a disposizione, per trovare pace e ristoro dell’anima
Posizione accurata nella mappa di WIkipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/La_Salina

Per arrivare all’isola si risale il canale di san Felice (8 metri di profondità media), per ancorare nel canale ad ovest dell’isola. si sbarca col gommone visto che al pontile non c’è sufficiente acqua per Gargantua.

[fb_button]

Venezia in Vela di Marino Coltro • CCIAA Udine REA 287067 • P.IVA: 02772730301 • PEC: veneziainvela@pec.it

Book Now